Vinciullo: “Oltre 2 milioni di euro per l’area attendamenti di Sortino e per la via 1° Maggio”

L’Assessorato regionale dell’Economia, con proprio Decreto Dirigenziale del 2 ottobre 2017, ha provveduto a riprodurre nel bilancio della Regione la somma complessiva 1.993.015,95 euro per finanziare l’intervento denominato “Lavori per la realizzazione dell’Area attendamenti e containers di c.da Piano Lardo nel comune di Sortino”.
Lo comunica l’On. Vincenzo Vinciullo, Presidente della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’ARS. Le somme verranno così impegnate:
295.000 euro nell’esercizio finanziario 2017
750.000 euro nell’esercizio finanziario 2018
948.015,95 euro nell’esercizio finanziario 2019
Contemporaneamente, l’Assessorato ha predisposto la riproduzione di 133.276,87 euro per finanziare l’intervento denominato “Progetto per i lavori di completamento della via di fuga a valle della via I Maggio” da imputare: 13.079,83 euro nell’esercizio finanziario in corso e 120.197,04 euro nell’esercizio finanziario dell’anno prossimo.
Pertanto, ha proseguito l’on. Vinciullo, di fronte a un importo complessivo di 2.181.285,04 euro, di cui 363 mila spendibili nell‘esercizio finanziario in corso, 870 mila nel 2018 e 948 mila nel 2019, la Ragioneria Generale ha proceduto a iscrivere la somma di 1.818.212,09 euro.
Un risultato importante quello raggiunto perché, finalmente, dà la possibilità di rispondere alle esigenze del territorio in termini di sicurezza e in termini di serenità da offrire ai cittadini e, contemporaneamente, si tratta un investimento importante per la città di Sortino che, dall’esecuzione di detti lavori, trarrà un beneficio non secondario, legato ai numerosi operai che potranno essere impiegati nell’esecuzione dell’opera, perché una cosa deve essere chiara a tutti: non è più possibile immaginare percorsi di affidamento di lavori pubblici che non vedono il coinvolgimento di lavoratori del luogo nell’esecuzione degli stessi lavori. Non è sopportabile, infatti, ha concluso l’on. Vinciullo, l’idea che le pubbliche amministrazioni si affatichino per realizzare infrastrutture e poi nessun lavoratore del luogo possa essere utilizzato in quanto le ditte aggiudicatrici portano con sé anche la manodopera.

Pubblica su Facebook