Una 46enne accusa l’ex marito di lesioni ma era tutto falso

Una presunta storia ordita di trame e macchinazioni quella messa in atto di una 46enne siracusana: accusa una serie di maltrattamenti e violenze da parte dell’ex marito, un professionista 42enne di Floridia, per sottrargli parte del patrimonio familiare consistente in 50 mila euro custoditi in banca, conto intestato alla donna, al momento della separazione. Qui scatta da parte della donna tutte una serie di trame e invenzioni per non restituire parte dei soldi all’ex marito. Inizia il calvario per il professionista accusato ingiustamente di lesioni, danneggiamento e di avere fatto mancare alla famiglia i mezzi di sostentamento.
La polizia giudiziaria avvia le indagini per scoprire la verità e dopo parecchi mesi di investigazioni si è chiarito che era tutto un imbroglio e che l'esposto presentato dalla 46enne siracusana, era stato solo frutto di una macchinazione per non consegnare la metà del denaro di famiglia all’ex marito. All’esito delle indagini preliminari il pm Vincenzo Nitti ha accertato che il contenuto della denuncia risultava infondato chiedendo l’archiviazione del procedimento nei confronti dell'uomo e l’apertura di un procedimento a carico della donna F.Z. per i reati di calunnia e frode processuale.

Pubblica su Facebook