Sette infermieri dell’emodinamica mettono in mora ASP di Siracusa

“Ed è contestazione all’Asp di Siracusa, con sette cause legali fatte contemporaneamente da sette unità infermieristiche che lavorano presso la U.O. di emodinamica dello Ospedale Umberto primo di Siracusa contro la ASP 8. La rivolta di un intero reparto contro la direzione strategica aziendale» lo dice Corrado Barrotta Commissario FSI di Siracusa.
“Sette infermieri su otto della unità operativa di cui sopra hanno deciso di spendere del contante per difendere i loro diritti di lavoratori della sanità, in particolare gli interessati non hanno percepito parte della indennità prevista per il disagio riconosciuto per la prestazione aggiuntiva della pronta disponibilità prevista ed anche per parte di quella pronta disponibilità, oltre contratto, imposta per bullismo dai dirigenti! Il CCNL del Comparto sanità pubblica prevede fino a sei turni mensili di pronta disponibilità per le urgenze sanitarie (vale a dire circa 75 ore mensili oltre l’orario di servizio previsto che è di circa 150 ore mensili di lavoro ordinario per un totale di 225 ore mensili).
“Questi infermieri hanno fatto sacrifici e si sono sobbarcati un mare di disagi per portare un pezzo di pane a casa, e così, sono arrivati a centinaia di turni di lavoro in più oltre quelli previsti per contratto in questi ultimi anni di lavoro e, per di più, come se non bastasse, sono stati presi in giro dai loro diretti superiori con numerose promesse mai mantenute! Il dott. Contarini direttore dell’emodinamica ha confermato per iscritto le ragioni dei ricorrenti e la direzione di presidio ospedaliero non ne ha contestato le pretese nelle diverse missive di lamentele inviate dai legali del personale ricorrente, ma questi dirigenti non hanno mai fatto nulla di concreto per risolvere il disagio!
“La direzione aziendale preferisce imboscare gli amici di sindacalisti, papisti e politici vari, piuttosto che permettere a tutti i lavoratori di poter svolgere le proprie mansioni con benessere sia del personale dipendente che degli ammalati! Una cosa è certa la collettività pagherà le spese legali previste e forse i danni di salute subite dagli infermieri soltanto per la strafottenza di questi dirigenti verso i nemici e viceversa il clientelismo verso alcuni altri che sono amici degli amici! Bastava poco per risolvere il problema! Bastava aggiungere solo due infermieri nella pianta organica della unità operativa di emodinamica! In conclusione questi dipendenti pubblici, che secondo i media dovrebbero essere dei fannulloni, lavorano più dei loro colleghi del privato! Ma questa è un’altra storia!”.

Pubblica su Facebook