Santa Lucia a maggio: l’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice presiederà il Patrocinio

A presiedere domenica 7 maggio alle 10,30 la messa del pontificale in occasione della festa del patrocinio di Santa Lucia sarà mons. Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo. E’ stato comunicato domenica mattina da monsignor Tito Marino, parroco della cattedrale, durante il sorteggio dei portatori del simulacro.
Dopo la messa delle 8, presieduta dallo stesso sacerdote in Duomo, i berretti verdi si sono spostati nel salone Gentile di via delle Vergini per partecipare ad un appuntamento che sta tornando ad essere fisso. Ad introdurre l’incontro, la preghiera del Padre Nostro ed un breve saluto di Marino che, dopo pochi minuti, si è congedato per partecipare alla riunione mensile con gli insegnanti di religione. Poi sono stati letti i nomi dei portatori nati nel 1962, ai quali toccherà di diritto portare Santa Lucia sia a maggio che a dicembre, poiché per motivi anagrafici, dal 2018, non potranno più farlo. Dal sorteggio sono stati esclusi anche i circa 30 nuovi iscritti poiché anche loro avranno l’onore di portare il simulacro. Una novantina, pertanto, i nomi delle persone sorteggiate, tra la processione mattutina del 7 maggio e quella dell’ottava (suddivisa in due turni da 48 poiché molto più lunga) della sera del 14. Ad estrarre le palline Cettina Oliveri ed Eleonora Bramante dell’associazione delle portatrici, Paolo Puglisi dell’associazione Santa Lucia tra i falegnami e il maestro di cappella Benedetto Ghiurmino. Presenti anche gli altri componenti della deputazione: Antonio Trigila, Salvo Sparatore ed E- lena Artale. All’incontro di ieri mattina sono stati pochi i berretti verdi che hanno preso parte al rito del sorteggio, eppure la festa di maggio non è meno importante di quella di dicembre poiché ricordiamo il miracolo che mise fine ad un lungo periodo di carestia, ottenuto tramite l’intercessione di Santa Lucia e annunciato dall’ingresso di una colomba in una cattedrale gremita di fedeli che pregavano incessantemente la Patrona. In porto arrivarono navi cariche di grano che risollevarono la popolazione dagli effetti devastanti della fame. A maggio ringraziamo la nostra Santa ma l’entusiasmo per questa ricorrenza sta diminuendo. Il problema è legato al trasporto pubblico da e per il centro storico che è sempre più deficitario e le restrizioni del centro storico alle auto. Basterebbe solo per quei giorni di festa fare delle eccezioni.

comments powered by Disqus