Prende l’iter il progetto riqualificazione via Crispi

E’ stata resa pubblica all’albo pretorio una determina con la quale si procede alla nomina del responsabile unico del procedimento riguardante il progetto di ripavimentazione della via Crispi, la strada che congiunge piazzale Marconi alla stazione centrale
L’incarico è stato conferito all’architetto Aldo Celani, che ha il compito di verificare la progettazione esecutiva dell’intervento relativo alla rifunzionalizzazione e riqualificazione urbana della connessione tra la stazione ferroviaria e il piazza Marconi, meglio noto come via Francesco Crispi.
La storia della riqualificazione della via Crispi risale al 13 aprile 2010 quando l’allora giunta comunale ha approvato la delibera relativa al piano integrato di sviluppo urbano che prevede, tra le azioni per la richiesta dei finanziamenti a valere sull’asse VI del Po Fesr 2007-2013, il progetto in questione. Il progetto definitivo è stato approvato il 16 luglio 2010 con un importo complessivo di 2 milioni e 200 mila euro.
Con determina dirigenziale del 8 luglio dello scorso anno, sono stati incaricati della progettazione esecutiva e direzione lavori due tecnici dipendenti del Comune capoluogo. Il progetto esecutivo è stato approvato con determina dirigenziale del 12 luglio dello scorso anno. Prima di dar luogo all’affidamento dei lavori, la dirigenza del Comune deve procedere con la verifica preventiva della conformità degli elaborati progettuali, cosa che eseguirà il Rup appena nominato.
E proprio in relazione agli interventi, alla fine del mese di gennaio si è registrato il via libera dall’assessorato regionale alle Infrastrutture al finanziamento per la riqualificazione di via Crispi con fondi Pac. Proprio poco più di tre mesi fa si è chiuso un iter amministrativo iniziato 17 mesi prima fa il cui esito. La somma stanziata dalla Regione è di 1milione 790mila euro, soldi che serviranno a ripavimentare la strada – mantenendo le basole – con criteri moderni e di sicurezza; inoltre, anche in funzione della sosta delle auto, saranno modificati i marciapiedi sui quali saranno realizzate le corsie per ipovedenti; sarà del tutto ammodernata l’illuminazione pubblica, sia per quel che riguarda l’impianto che i corpi illuminanti, e sarà collocata la segnaletica turistica. Per il sindaco Garozzo, l’intervento di recupero di via Crispi diventa anche un’operazione di rilevante valore urbanistico in una zona del centro storico che sta conoscendo in questi anni una rinascita commerciale per i tanti locali di ritrovo che si stanno aprendo.
L’Amministrazione comunale aveva provato a fare finanziare l’intervento alle fine del 2015 ma senza risultato. L’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Gianluca Scrofani si è recato più volte a Palermo per avere un’interlocuzione con l’assessorato alle Infrastrutture, ed è da quest’attività che sono stati trovati i fondi necessari rimodulando una parte delle economie realizzate attraverso le opere finanziate nel 2015, ottenendo così che fossero destinate al Comune di Siracusa.
La riqualificazione di via Crispi è tra le più attese, non foss’altro per la difficoltà di transito per i mezzi a causa delle cattive condizioni della pavimentazione in basole, realizzata nel secondo dopoguerra.
Per una via Crispi che vedrà tra poco aperto il cantiere, si contrappone la parallela corso Umberto, nella parte che va dalla stazione a piazza Marconi. Avvallamenti, buche e crateri, dissesto del manto stradale sono alcuni degli inconvenienti che riscontrano gli automobilisti che rischiano pneumatici e sollecitano ammortizzatori. Una via che, peraltro, è molto frequentata perché ospita il terminal dei bus.

Pubblica su Facebook