Pallavolo Augusta ancora a segno in serie C femminile

Pallavolo Augusta ancora a segno nella prima giornata di campionato di serie C femminile girone di ritorno. Successo al tie-break in rimonta sulla Pallavolo Sicilia e terzo posto in classifica solitaria avanti alla Gupe Aci Bonaccorsi, prossima ostica avversaria nel confronto ad altissima quota del turno successivo. Sesta vittoria consecutiva tra coppa e campionato per la Pallavolo Augusta che lotta e rimonta riuscendo a piegare l’esuberanza giovanile dei talenti della Pallavolo Sicilia: sotto di due parziali e con il libero titolare Marano fuori per infortunio, già da metà del primo set le megaresi ribaltano il risultato con determinazione aggiudicandosi il match al tie-break. La Pallavolo Augusta è scesa in campo con Carmeci in palleggio e Calleri opposta, la coppia di giovanissime schiacciatrici Miceli e Vescovo in banda, al centro Vinciguerra e Marino con Marano libero. L’inizio è tutto di marca ospite, la Pallavolo Sicilia batte con grande efficacia e le megaresi faticano a trovare le contromisure, poi a metà set, in piena fase di recupero per la formazione locale, si infortuna il libero Marano che deve lasciare il campo per tutto il match sostituita nel ruolo dalla giovanissima Scarnato, classe 2001. Gli ingressi in campo di Sirone e Canneddu contribuiscono al tentativo di rimonta augustano, ma un’invasione e un muro vincente chiudono il set sul 25-22 per le catanesi.
Nel secondo parziale le augustane continuano a commettere ancora troppi errori nei vari fondamentali, battono con poca efficacia e stentano a finalizzare in maniera convincente il gioco offensivo, ma restano sempre a contatto con le giovani catanesi che si aggiudicano però il rush finale per 25-23. Sotto di due parziali le megaresi reagiscono con grande orgoglio e determinazione, l’ingresso in campo della capitana Giuffrida in posto 4 scuote la squadra che comincia a macinare gioco anche grazie al supporto continuo della giovane Miceli sia in prima che in seconda linea. Carmeci può cominciare ad innescare i terminali offensivi con più continuità e le augustane chiudono il set per 25-18. Il quarto set è un monologo megarese: Sirone lascia il segno in battuta mandando in tilt la ricezione catanese, Vinciguerra e Marino diventano insormontabili a muro e la Pallavolo Augusta si aggiudica il parziale per 25-12. La maratona agonistica continua nel quinto e decisivo parziale, le giovani catanesi non si arrendono, ma le augustane conquistano il sesto successo consecutivo firmando il 15-12 definitivo con due attacchi consecutivi di Vinciguerra, top scorer del match con 23 punti.
F.G.

comments powered by Disqus