Oggi sul campo del Francavilla Siracusa in corsia di sorpasso

Per l’incontro col Francavilla il Siracusa si è portato in zona, alloggiando in un albergo dei dintorni. Comitiva al gran completo, con le uniche assenze di Filosa, Sciannamè e Baiocco, quest’ultimo passato al Palazzolo e per il quale è stata già spesa, come da copione, qualche furtiva lacrima di coccodrillo. Della squadra già in terra pugliese, da verificare le condizioni di Turati che Sottil, trattandosi di un elemento in diffida, vorrebbe risparmiare per il derby col Messina. In questo caso Davide Giordano sarebbe chiamato a prendere il suo posto, con Toscano schierato accanto al nuovo capitano Spinelli, destinato per il resto del campionato a rappresentare il fulcro del gioco azzurro. Altra incognita che Sottil scioglierà poco prima di entrare in campo, quella dell’esterno di destra che quasi sicuramente sarà Palermo, con Cassini che inizierebbe dalla panchina non avendo ancora fornito prestazioni molto convincenti. Attacco affidato a Scardina e a Valente che, oltretutto, hanno già raggiunto un apprezzabile grado di affiatamento. Fra le file dei biancoazzurri locali, abituati a giocare su un campo in condizioni ridotte, l’allenatore Gianluca Calabro ha praticamente confermato la formazione che è uscita indenne dal campo dell’Unicusano Fondi.
In porta una vecchia conoscenza dei tifosi siracuani, quell’Angelo Casadei che, per la verità, nel campionato di serie D 2006/2007 si segnalò più per qualche papera di troppo che per l’inviolabilità della sua rete. Davanti a lui la solita difesa a tre formata da Idda, Fisca e Abruzzese, un terzetto collaudato ma superabile allorché Biason e Galdean, centrali di centrocampo, si lasciano superare. L’attacco è il reparto che più ha contribuito ai 26 punti guadagnati dalla matricola, due in più di quanto ne può vantare il Siracusa che guarda a questo incontro per allungare la scia e realizzare il sorpasso. Gli elementi di maggior spicco sono De Angelis e, soprattutto, Nzola alle cui spalle, in veste di gran suggeritore opera Pastore. C’è nel clan azzurro un alone di moderata euforia anche perché i padroni di casa oltre alle otto vittorie in casa hanno pareggiato cinque volte e perso una sola volta. A seguire gli azzurri in questa trasferta dovrebbero essere un centinaio di tifosi che raggiungeranno nella tarda mattinata di oggi Francavilla Fontana. Al Giovanni Paolo II, dirigerà il brasciano Giampaolo Mantelli, con l’assistenza della signora Cinzia Carovigno di Potenza e il signor Pasquale Netti di Napoli.
Armando Galea

comments powered by Disqus