Nuova proroga di 6 mesi per il servizio idrico a Siam

Nuova proroga per sei mesi alla Siam in attesa che il Comune di Siracusa predisponga il nuovo bando entro la fine di settembre. Ieri giorno ultimo il sindaco Giancarlo Garozzo ha firmato la nuova ordinanza che proroga fino al 30 settembre il servizio idrico con la società italo spagnola agli stessi patti e condizioni del contratto stipulato due anni fa. Si fa salva, quindi, la possibilità dell’amministrazione comunale di recedere anticipatamente l’accordo nel caso in cui la gara – che dovrebbe essere pronta e pubblicata a giorni – dovesse essere assegnata prima della scadenza della nuova proroga. La gara, su cui ancora vige il massimo riserbo, dovrebbe avere la durata di un anno e probabilmente prorogabile di almeno un altro anno.
Nel frattempo infatti l’Ati, che ha sostituito l’Ato idrico, sta studiando la modalità di gestione del servizio idrico nell’ambito territoriale sperando in una mano da Palermo, che fin qui ha fatto solo un buco nell’acqua.
Secondo quanto rilevato dal sindacato, da lunedì spunta un grosso punto interrogativo sulla gestione del servizio e sul futuro occupazionale dei lavoratori. “Altra questione che solleviamo è legata ai 50 lavoratori ex Sai 8 rimasti senza occupazione – dice Sebastiano Tripoli, segretario della Femca – non solo il comune di Siracusa ma anche tutti gli altri che facevano parte del vecchio Ato idrico dovranno fare la loro parte e caricarsi in quota parte questi lavoratori penalizzati”. Il sindacato dei chimici fa appello alla deputazione regionale perché si chiuda la questione all’Ars con l’emanazione della legge che dà alle Ati oltre che una forma giuridica anche contenuti per programmare e muoversi sulle proprie gambe.

Pubblica su Facebook