La Guardia di Finanza dona in beneficenza agli indigenti merce sequestrata

Si è celebrata ieri mattina nel sede della caserma "Alfredo Lombardi" della Guardia di Finanza di Siracusa una importante iniziativa di solidarietà di beneficenza nei confronti dei cittadini più bisognosi, giunta oggi, alla 5ª edizione. L’evento si è tenuto alla presenza del comandante delle Fiamme gialle, col. Antonino Spampinato; del Prefetto di Siracusa, Giuseppe Castando; dell’Arcivescovo metropolita di Siracusa, Salvatore Pappalardo; del Procuratore capo Francesco Paolo Giordano del tribunale di Siracusa e dei vertici delle Forze dell’Ordine.
Nel corso dell’anno 2017 le Fiamme Gialle aretusee hanno sottoposto a sequestro importanti quantitativi di merce in violazione alle leggi che tutelano i marchi, i brevetti e la sicurezza dei prodotti. Gli articoli sequestrati, di norma destinati alla distruzione, grazie alla concessione della locale A.G. e dopo aver posto in essere le necessarie tutele per il loro riutilizzo, sono stati devoluti a strutture ed Enti particolarmente impegnati in opera di assistenza di carattere sociale e umanitario di grande pregio.
La cerimonia ha avuto inizio con il ringraziamento da parte del Col. Spampinato alle Autorità intervenute. In particolare ha voluto soffermarsi sul significato dell’iniziativa “che trova la sua forza di rinnovarsi perché ha la condivisione delle Istituzioni a proseguire un percorso che evidenzia la consapevolezza di voler vivere il territorio senza trascurare i contesti sociali e le nicchie di disagio. E’ questo, quindi, il successo di tutti che va trasmesso alla collettività per dare segno di essere vicini ai cittadini ed alla Sua Santa Patrona Lucia” ed è proseguita con la consegna simbolica da parte del Comandante Provinciale della merce data in beneficenza alle Suore del Cenacolo Domenicano di Solarino, alla Parrocchia di San Tommaso al Pantheon, alla Caritas siracusana e al Santuario Madonna delle Lacrime di Siracusa.
L’iniziativa delle Fiamme Gialle aretusee si pone nel variegato quadro del costante impegno del Corpo a favore della collettività ove, a fianco della lotta ad ogni forma di criminalità economica – finanziaria, trovano spazio diverse iniziative benefiche volte ad assicurare la vicinanza della Guardia di Finanza ai più bisognosi.
Nella circostanza, termini come “lotta alla contraffazione” e “solidarietà” si fondono in un connubio ideale che si concretizza attraverso un segno tangibile di diretta percezione sociale.
Il Procuratore Capo Francesco Paolo Giordano, ha condiviso l’iniziativa ed ha espresso un pensiero di gratitudine per l’organizzazione dell’evento sottolineando l’attività del Corpo nel contrasto agli illeciti economico-patrimoniali ed evidenziando la sinergia tra uffici giudiziari e Guardia di Finanza che ha consentito di produrre un beneficio nei confronti dei più bisognosi della provincia.
- Oggi un’importante evento, quella della beneficienza delle Fiamme gialle di merce sequestrata al contrasto dell’attività illecita e alla contraffazione…
«Si, sono dei prodotti che dovrebbero essere distrutti, però questa devoluzione in beneficienza dimostra che le attività istituzionali della Guardia di Finanza, della Procura della Repubblica hanno un seguito che sottolinea i fini sociali di questo evento e quindi noi non siamo dei burocrati perché sappiamo benissimo che dietro ogni procedimento penale, dietro ogni fascicolo c’è un’umanità che soffre sia quando viene intaccata nei beni primari, libertà, proprietà ecc, sia quando appunto, come oggi, quello che ci viene ricordato da questo evento c’è qualcuno che può essere alleviato nel disagio che le procura la vita».
Il Prefetto Giuseppe Castaldo, ha espresso parole di ringraziamento per l’attività svolta dalla Guardia di Finanza, in collaborazione con le altre Forze di Polizia, ricordando che l’iniziativa è arrivata alla sua 5^ edizione, certo del suo ripetersi per gli anni a seguire, avendo modo di sottolineare, nell’occasione, l’importanza dei peculiari compiti di Polizia di Sicurezza in mare assegnati al Corpo.
- Oggi un evento significativo, quello della beneficienza, da parte della guardia di finanza verso quei cittadini bisognosi, un’azione caritatevole…
«Un’iniziativa bellissima che consente anche di mostrare un volto diverso delle istituzioni. Quindi non solo l’attività di contrasto alla criminalità di sequestri, di contrasto all’abusivismo, ma anche un’attività che può tradursi alle finalità sociali. «Quindi sostanzialmente l’istituzione ad associazioni, a soggetti meno fortunati di alcuni beni che in mancanza di questa bellissima iniziativa andrebbero distrutti; un forte apprezzamento e gratitudine alla Guardia di Finanza e alla Procura che hanno consentito a questo risultato. Io voglio cogliere l’occasione per esprimere apprezzamento nei confronti di tutte le forze dell’ordine, prosegue il prefetto Castaldo, che sono impegnate fortemente nel contrasto alla criminalità, al mantenimento della tutela di sicurezza pubblica e voglio sottolineare in questa occasione la grande competenza e la professionalità acquisita dalla Guardia di Finanza del settore economico finanziario è un presidio di legalità a tutela della finanza pubblica e ha anche dimostrato una grande capacità di adeguamento in relazione alle nuove competenze, quindi alla complessità degli accertamenti in materia economico finanziario, quindi soltanto per dire grazie a tutti gli uomini e a tutte le donne della Guardia di Finanza di Siracusa per l’attività svolta e voglio concludere anche con l’attività che svolge di soccorso a mare, quindi anche questo va sottolineato. Quindi una bellissima occasione e iniziativa e che speriamo di ripetere negli anni successivi»
Mons. Salvatore Pappalardo ha sottolineato che “l’iniziativa del Comando Provinciale della Guardia di Finanza merita tutta l’attenzione non solo da parte delle Istituzioni ma, come vescovo, devo dire che quando si ha attenzione all’umanità, ad ogni uomo con le sue povertà, i suoi bisogni, e che questa venga da un’istituzione quale è la Guardia di Finanza ovviamente suscita meraviglia”.
Il Presidente della deputazione della Cappella di S. Lucia, avvocato Giuseppe Piccione, ha partecipato un messaggio di ringraziamento al Comandante Provinciale per la pregevole iniziativa che si è tenuta nell’area dove, in occasione della scorsa edizione, è stata posta la targa marmorea commemorativa del passaggio delle reliquie di Santa Lucia.
La cerimonia si è conclusa con la lettura di due poesie da parte di due bambini ospiti delle Suore del Cenacolo Domenicano di Solarino.

Pubblica su Facebook