In concomitanza con i 2750 anni di fondazione della città un monumento al “Pi greco”

Dopo l’intervento per il recupero delle parti deteriorate del monumento posto sul Rivellino, un altro gesto di gratitudine nei confronti del genio siracusano lo compie la parlamentare regionale uscente, Marika Cirone Di Marco. Ha proposto all’amministrazione comunale - che ha accettato con delibera di giunta del 9 ottobre - la donazione di una struttura monumentale dedicata ad Archimede. Il progetto si chiama “Pi greco”, simbolo per eccellenza della matematica, che impegnò molti studiosi prima di essere scoperto da Archimede, dando con questo un contributo al superamento di un limite e quindi al progresso scientifico. L’opera, in fase di realizzazione, è stata progettata dall’arch. Massimilano Urciullo con la collaborazione del maestro Carlo Gilè. Una volta completata, sarà installata in Largo Nicola Calipari a ridosso del centralissimo corso Umberto.
“A questo progetto ci lavoriamo dal dicembre scorso – afferma l’on. Cirone - bisognava avere i permessi di Sovrintendenza, Genio civile, degli uffici tecnici e adesso è arrivato l’assenso politico che è stato abbastanza arzigogolato. Vuole rappresentare un pezzetto di itinerario tematico dedicato al grande scienziato in occasione dei 2750 anni dalla fondazione di Siracusa e a conclusione del mio elettorale”.
E se Cicerone riscontrò non pochi problemi a individuare la tomba di Archimede, oggi il museo, il monumento al Rivellino, lo Stomachion e la riproduzione del Pi greco, rappresentano piccoli ma significativi gesti di una città che, dopo secoli di oblio, ha deciso di rendere degno omaggio al suo illustre figlio, tra a i più importanti scienziati della storia dell’uomo.

Pubblica su Facebook