Il questore di Siracusa accoglie i nuovi operatori di Frontex

Nella mattinata odierna il Questore di Siracusa, Dott.ssa Gabriella Ioppolo, insieme ad altri funzionari della Questura, ha accolto in Questura il nuovo personale di Frontex (Agenzia europea della guardia costiera e di frontiera) che fornirà il suo contributo nella gestione del fenomeno migratorio che interessa la nostra provincia. - FOTO N.2 -
• Agenti in servizio alla Squadra Mobile della Questura di Siracusa, hanno eseguito una misura cautelare in carcere nei confronti di B.V. 49 anni, siracusano, già conosciuto alle forze di Polizia, per il reato di stalking e maltrattamenti in famiglia commessi nei confronti della ex compagna durante il periodo di convivenza, dal 2005 al 2015. Dopo le incombenze di rito, l’uomo è stato accompagnato a Cavadonna.
Sempre gli uomini della Squadra Mobile hanno denunciato R.A. 33 anni, residente a Siracusa, già conosciuto alle forze di polizia, ritenuto responsabile dei reati di truffa, furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale, commessi il lo scorso 30 luglio. In particolare, l’uomo simulava un incidente stradale e convinceva la vittima a consegnargli 120 euro quale risarcimento per non rivolgersi alle compagnie assicurative, la classica “truffa dello specchietto” e, inoltre riusciva a rubare il portamonete. Le indagini permettevano di individuare l’autore dei reati che si dava alla fuga causando lievi lesioni ad un poliziotto.
• Agenti, in servizio alle Volanti della Questura di Siracusa, hanno denunciato due persone per inosservanza agli obblighi derivanti dalle misure limitative della libertà personale cui sono sottoposte.
• A Lentini nella mattinata di ieri, Agenti del Commissariato sono intervenuti all’interno dell’Istituto G. Marconi per la segnalazione di furto in atto. Sul posto, venivano sorpresi un diciottenne e due minori intenti ad asportare gli infissi delle finestre.
• A Pacino gli Agenti in servizio al Commissariato hanno denunciato un giovane Z.M. 24 anni, per il reato di evasione.
• A Noto agenti in servizio al Commissariato hanno denunciato un giovane P.F.A. 26 anni, residente a Torino per il reato di truffa. La vittima, dopo aver acquistato da una ditta torinese un kit airbag completo di cruscotto non riceveva la merce acquistata nonostante i solleciti effettuati.

Pubblica su Facebook