Il «Premio Paladino»  stasera al Jolly Hotel

Si leverà il sipario sulla 46° edizione del “Premio Internazionale Sicilia – Il Paladino” questa sera alle 18,30 nel salone delle feste del Jolly Hotel in corso Gelone.
All’interno della Cerimonia protocollare di consegne dei Premi avrà luogo lo Spettacolo d’Arte “All Stars” con la partecipazione di artisti di cabaret, teatro di posa, musica leggera, musica lirica, operetta, concertismo.
Lo staff, composto dalla conduttrice Giuliana Accolla, dalla segretaria di produzione Gianna Parisi, dalla collaboratrice artistica Giulia Zappulla, dal service di Paolo Greco, dall’assistenza di Salvo Manzella, con il coordinamento alla regia di Aldo Formosa, per la prima volta darà vita al Premio nel salone delle feste del Jolly Hotel per utilizzare una location centrale nel cuore della città, ed evitare così Ortigia col suo strangolamento del sabato pomeriggio che impedisce l’ingresso nell’isolotto.
L’Albo d’Oro del “Premio Internazionale Sicilia – Il Paladino”, che vanta nomi altisonanti nei vari settori dell’arte e della cultura, anche in campo internazionale, si arricchirà di ulteriori Personaggi i cui meriti saranno legittimamente gratificati.
Di particolare interesse il settore riservato ai giovani, che metterà in evidenza quella frangia che, pur ancora impegnata negli studi, lascia intravedere delle realtà chiaramente avviate verso itinerari ben lontani da avvilenti previsioni di cronaca deteriore ma, anzi già inserite nei moduli positivi dell’intelligenza e della cultura. Lo spettacolo “All Stars” porterà alla ribalta ospiti nei vari settori dell’arte, secondo criteri di qualità professionale, evidenziando realtà di evidente livello.
Da indiscrezioni trapelate oltre il normale riserbo, nel campo del cabaret appare certa la partecipazione di un brillante attore delle giovani generazioni di un acclamato palcoscenico, che risponde al nome di Francesco Rizzuto con suo bagaglio di esilaranti monologhi.
Da segnalare che il “Premio Internazionale Sicilia – Il Paladino” istituito nel 1970 da Aldo Formosa all’interno del suo “Teatro di Sicilia”, vanta anche un primato di longevità coi suoi 46 anni di assidua continuità, inferiore soltanto alle Rappresentazioni Classiche. Sul suo palcoscenico sono passati i nomi più prestigiosi dell’arte e della cultura mondiale, convenuti a Siracusa per ricevere il prestigioso Riconoscimento.
R.L.

Pubblica su Facebook