Il Pd ha deciso di non rappresentare Siracusa

La riunione fiume di Roma ha scontentato tutti a cominciare dall’ex assessore regionale Bruno Marziano, indicato dalla direzione provinciale come possibile candidato per il Senato. Bruno Marziano, leader in provincia di Siracusa della componente DEMS del Partito Democratico che si rifà al ministro di Grazia e Giustizia Andrea Orlando commenta le decisioni assunte in sede di Direzione Nazionale del PD in merito alle candidature per le prossime elezioni politiche del 4 marzo prossimo.
«Le decisioni assunte dalla direzione nazionale del PD - dice Marziano – condannano, a meno di un miracolo, la provincia di Siracusa a non avere più nessun rappresentante nelle istituzioni parlamentari nazionali (Camera e Senato) perché, pur con tutti gli sforzi che si potranno fare le candidature nei collegi uninominali partono da condizioni di svantaggio elettorale.
Continueremo il nostro impegno nella campagna elettorale con il Partito Democratico. Ma certo non condividiamo le logiche che consegnano in mano ad una sola componente interna le scelte politiche in generale, ed in questo caso le scelte sui nomi dei candidati. Nei prossimi giorni convocheremo dirigenti, i militanti e simpatizzanti dell’area DEMS per condividere l’analisi di quanto accaduto».

Pubblica su Facebook