Commissione Sanità: irricevibile proposta on. Zito

Ha avuto corso la riunione dell terza Commissione Consiliare, Sanità, con l’ordine del giorno in trattazione la nuova proposta dell’onorevole pentastellato Zito di allocare il nuovo ospedale presso la area demaniale di Santa Panagia, proprietà della Marina.
«Provenendo da una fonte istituzionalmente autorevole, abbiamo considerata seria la proposta è ci siamo riuniti per ristudiare a fondo l’argomento, questo perché ricordiamo a noi stessi, per ricordarlo a tutti , in generale, e allo onorevole Zito, in particolare, che il luogo istituzionale dove si decide quale deve essere l’area dove costruire il nuovo ospedale è il C.C. e i propri organismi e non i destinatari (ASP, Sindaco, Marina Militare), se non per conoscenza, della sua missiva. In breve qualsiasi suggerimento, e non più di tanto, preveda il luogo dove costruire il nuovo ospedale deve pervenire al Consiglio Comunale.
«Le premesse che stimolano l’onorevole Zito, sono le stesse che abbiamo preso in considerazione i consiglieri comunali, e cioè la possibilità di individuare una area che incidesse economicamente poco come esproprio e che fosse facilmente e agevolmente raggiungibile come collegamento viario e che rispettasse la superficie necessaria alla costruzione dell’immobile.
«Pertanto abbiamo ritenuto opportuno incontrarci , vista l’autorevolezza della provenienza della proposta, per trattare lo argomento, ma pressoché immediatamente si è evinto che è una “proposta improponibile”.
L’area incide totalmente in una zona, per il piano paesistico, a totale inedificabilità, ricadendo interamente, fra l’altro, tra le Mura Dionigiane. Inoltre dal punto di vista della viabilità, costringerebbe una consistente fetta di utenza, ad attraversare, per raggiungere la zona, tutta la città, traffico annesso, con i tempi necessari alla bisogna particolarmente lunghi e nocivi in caso di emergenza. In definitiva riteniamo la proposta inattuabile.
«Rimaniamo pur sempre a disposizione, e dell’on. Zito e di chiunque altro volesse un confronto, avente quale obiettivo la soluzione migliore per l’ubicazione del nuovo H, nella sede più opportuna, istituzionalmente più giusta, corretta e competente e cioè il Consiglio Comunale e i propri organismi regolamentari.
«Siamo aperti, come Commissione, a suggerimenti e confronti, che siano frutto anche di mera intuizione, o di voglia di apparire a tutti i costi, o di essere bastian contrario alla A.C., ma che abbia, qualsiasi possa essere la proposta, le “conditio sine qua non” di essere preventivamente studiata seriamente e di non essere solo figlia della demagogia, se non altro per non fare perdere tempo a chi di competenza. In conclusione riteniamo sempre valida la soluzione che vede l’area ubicata in zona Pizzuta, come già deciso in consiglio comunale, e di contro “cestinata” la proposta proveniente dal “Non movimento 5 stelle”».

Pubblica su Facebook