Assenteismo al Consorzio Lentini il Gup: a giudizio 17 dipendenti

Sono stato rinviati a giudizio 17 dipendenti del Consorzio di bonifica di Lentini accusati di truffa per essersi assentati dal proprio posto di lavoro pur risultando presenti, come emerge nell’indagine condotta dai militari della Guardia di finanza di Siracusa e della Tenenza di Lentini che nell’agosto del 2016 notificarono venti avvisi di conclusione indagini. Il provvedimento è stato emesso dal gup del tribunale di Siracusa, Carmen Scapellato. Saranno processati Alfio Allegra, Daniela Cannizzaro, Rosario Conversano, Paolo Fisicaro, Salvatore Fisicaro, Alfredo Giampapa, Massimo Gulizia, Corrado Montoneri, Vincenza Morello, Valeria Musco, Gioacchino Pulvirenti, Aniello Ragaglia, Domenico Raudino, Carmelo Rubino, Michele Salerno, Carmelo Ventura ed Andrea Zarbano. Per altri tre, anch’essi coinvolti nell’inchiesta, Alfio Centamore, Cinzia Chiarenza e Claudio Cosentino il giudice ha disposto un ulteriore supplemento di indagini per un periodo di 4 mesi. La prima udienza è stata fissata dal giudice per il 25 settembre. Secondo gli inquirenti, coordinati dal procuratore capo Francesco Paolo Giordano e dal sostituto procuratore Tommaso Pagano, i dipendenti «il più delle volte si assentavano giustificando l'assenza dal servizio con la corretta timbratura del badge, che li avrebbe messi al sicuro in caso di un controllo».
Ma, nella ricostruzione degli inquirenti, avrebbero incassato i soldi pur non avendone diritto. Infatti, come spiegato dai magistrati «i dipendenti, indipendentemente dagli orari dettati dalle timbrature del badge, percepivano per intero lo stipendio». A supporto delle indagini dei militari della Finanza, al comando del colonnello Antonino Spampinato, ci sono le immagini delle telecamere di sorveglianza. Gli inquirenti hanno immagazzinato oltre mille ore di videoriprese.

Pubblica su Facebook