Anche in Sicilia posa tubi interrati senza scavi e trincee

Basta cantieri stradali con scavi e trincee per la posa di tubi e cavi interrati che affliggono la vita degli automobilisti.
Anche in Sicilia, dopo altre regioni italiane, arriva la tecnologia del futuro “trenchless” (letteralmente “senza trincee”) grazie all’assessorato regionale Infrastrutture che l’ha prevista nel nuovo Prezziario regionale di prossima pubblicazione. Adesso toccherà a enti pubblici e società partecipate inserirla nei bandi di gara per ridurre l’impatto ambientale e ottenere notevoli risparmi su tempi e costi. Presso la sede di Ance Siciliale tecnologie, i macchinari, le varie applicazioni e alcuni casi significativi sono stati presentati ad enti, società e professionisti nel corso di un seminario che è stato inaugurato dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Luigi Bosco, dal presidente di Ance Sicilia, Santo Cutrone, dal presidente dell’Iatt (Italian Association for Trenchless Tecnology), Paolo Trombetti, e dal presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Palermo, Vincenzo Di Dio.
Hanno seguito gli interventi tecnici di Paola Finocchi, segretario generale Iatt; Enrico Napoli dell’Università di Palermo; Arnold Cekodhima della Danphix; Marco Ciano della Boviar; Pierluigi Lelli della Vermeer Italia e Gaetano Russo della Ruspal.
Fra i partecipanti registrati, anche rappresentanti di Comune di Palermo e altri Comuni, Amap, e-distribuzione, Fastweb, Sogesid, Snam, Sogegas, Hydro, imprese impegnate nel settore della fibra ottica. Nel piazzale sono stati esposti particolari macchinari. Si tratta di una lunga sonda flessibile telecomandata, dotata in testa di una fresa rotante, capace di bucare velocemente il suolo in direzione parallela al manto stradale evitando di danneggiare i servizi di rete già esistenti, e anche di passare sotto falde idriche o grandi infrastrutture stradali e ferroviarie, e di inserire velocemente nel canale i tubi da collocare, siano essi di acquedotto, fognatura o cavi elettrici e in fibra ottica. La tecnologia, ampiamente utilizzata nelle città italiane e pure da Snam per la posa dei gasdotti, serve anche a riparare perdite idriche senza scavare, semplicemente insufflando resine o guaine all’interno del tubo rotto.

Pubblica su Facebook