Al via le attività dei gruppi di lavoro del Patto di responsabilità sociale per Siracusa

Con grande senso di responsabilità si avvia la fase operativa del Patto di Responsabilità sociale per Siracusa dopo l’accordo sancito tra quaranta sottoscrittori lunedì 31 gennaio nella sede della camera di commercio di Siracusa. La logica di questo patto fa si che si è tutti sullo stesso piano. Non si è voluto dare la prevalenza ad alcuno. Quaranta sottoscrittori, è un passo molto importante per creare la condizione reale di uno sviluppo condiviso senza condizionamenti e nella sede della Camera di Commercio di Siracusa si sono riuniti i due gruppi di lavoro costituiti dai sottoscrittori. Il fatto innovativo è che si vuole partire da una base unificante e si ritiene che la base unificante siano i fatti distinti dalle opinioni. I quaranta sottoscrittori si augurano di raggiungere un momento unificante nei fatti.
Nei giorni scorsi nella sala della Camera di Commercio si sono tenuti degli incontri proficui dove sono scaturiti i gruppi di lavoro costituiti dai sottoscrittori.
Il gruppo «Imprese e Territorio» ha nominato coordinatore Salvo Adorno, studioso della storia economico/sociale del territorio, che ha sottolineato come lo sviluppo armonico e sostenibile del territorio è nell' interesse generale e che occorre coniugare i temi dello sviluppo con la sostenibilità ambientale. Secondo i principi ispiratori del Patto occorre concentrare l'attenzione sui fatti e sui dati.
In tale prospettiva sono stati costituiti due sotto-gruppi:
• il primo riguarda «Ricognizione dei dati ambientali ed epidemiologici» che fotograferà i dati raccolti dall’Università di Catania (Centro studi interdipartimentale territorio sviluppo e ambiente) incrociandoli con quelli dell’Asp e dell’Arpa. Parteciperanno in questa commissione i rappresentanti firmatari degli ordini professionali, ambientalisti, sindacati e organizzazioni produttive varie.
• Il secondo sotto-gruppo si occuperà di «formazione, rapporto scuola-lavoro e nuove tecnologie» con il coinvolgimento delle organizzazioni di categoria, i sindacati e le scuole del territorio per consentire un maggiore raccordo puntando ad intercettare le esigenze delle imprese e assicurando la correlata formazione dei giovani.
Il Secondo gruppo di lavoro «Uso del Territorio e Turismo» ha nominato coordinatore il presidente dell’Ordine degli Ingegneri Sebastiano Floridia e ha discusso sui temi dello sviluppo turistico della provincia di Siracusa e dei tanti ostacoli che ne penalizzano la crescita, decidendo di costituire due sotto-gruppi:
• il primo «raccolta dei dati turistici» si occuperà di raccogliere i dati sulle presenze turistiche in provincia di Siracusa e sulle strutture esistenti, mappando l’intero comparto.
• Il secondo svilupperà il tema «modelli di sviluppo turistico e progetti di investimento giacenti». I firmatari del Patto hanno designato propri rappresentanti nei due sottogruppi.
Sono state due riunioni di intenso e proficuo lavoro, caratterizzate da una partecipazione attiva ed interessata a sottolineare l'esigenza, da tutti avvertita, che siano elaborate, in tempi ragionevoli, proposte operative condivise da presentare e discutere con i responsabili delle Istituzioni per le opportune decisioni.

Pubblica su Facebook